La verità è una necessità

Inizio questo post di oggi con una domanda: “Perchè coinvolgere un blogger ad un evento corporate?” giudicherete questo interrogativo irrilevante, invece no è importante perchè ci fa capire come nasce il passaparola positivo in rete e quali radici ha.

Ieri ho richiesto aiuto in una community nota a chi fa il mio mestiere (Social media manager),  perchè stavo cercando una case history di digital pr di successo. Una ragazza della comunità mi ha segnalato il Nokia world 2013 di Abu Dhabi, onestamente non avevo molte informazioni in merito, allora mi sono messa a fare una piccola ricerca su google ed ho letto 3 recensioni. La prima ad opera del simpatico e competente Rudy Bandiera, la seconda di Celine Navarro e infine la terza ed ultima dello staff italiano di Wired. Che cosa ho notato? 3 stili diversi

1) Analitico, tecnico, descrittivo (WIRED)

2) Caldo, umano, esperenziale (CELINE)

3) Tecnico e empatico allo stesso tempo (RUDY)

Ora risponderò alla domanda in alto, invitare dei blogger a degli eventi top per il brand in questione è una bella opportunità, è la strada per la verità. L’influencer (se scelto bene) “Parla chiaro”, mostra anche i lati oscuri del prodotto, non tralascia nulla.

Come vi dicevo ho letto un pò di review e la prima di cui vi parlerò è quella di  Rudy Bandiera (noto influencer hitech), quello che ho apprezzato? la trasparenza e l’etica (credetemi è difficile trovarla), dalle parole dell’autore traspare una forte dose di umiltà, ma anche uno spirito critico verso il brand. Le criticità di Nokia sono a livello software perchè il design è cool come anche la qualità fotografica. Rudy pone un interrogativo, si domanda se la direzione presa dall’azienda di telefonia sia corretta e soprattutto sia in grado di contrastare i colossi Apple e Android. La gratitudine di questo blogger c’è, ma al contempo non ha dimenticato di fare il suo lavoro, dire la verità! E’ per questa ragione che ci piace tanto la rete 😉

ESY-000946808

Abu Dhabi

Nella mia analisi ho anche letto la recensione di Celine Navarro (non è una geek girl, ma solo una blogger creativa, affascinata dalla progettazione grafica e lontana dal mondo hitech). Questa ragazza ha raccontato in modo brioso il suo viaggio alla scoperta dei prodotti Nokia (la nuova linea Asha e Lumnia 1520), si è stupita lei stessa di essere tra gli invitati del Nokia World 2013. Ha raccontato e descritto gli smartphone e tablet con un approccio umanistico e poco analitico.

All’evento Nokia ha partecipato anche la redazione di Wired italia e gli articoli realizzati sono tecnici, ricchi di spunti e suggerimenti, ma non evidenziano i lati negativi oppure i luoghi ombrosi della collezione smartphone.

Che cosa succede oggi?

Prima di acquistare i prodotti cerco l’aiuto (no non sto parlando del commesso del GDO) di un’amico smanettone, di un blogger che seguo, l’integrità di un autore 2.0 si valuta su questo. Una review onesta, dove vengano identificate le opportunità e le vulnerabilità è di aiuto all’azienda (non ha invitato degli amebi senza personalità e cervello e magari ha qualche spunto per il futuro) e di supporto a chi sta per acquistare quel prodotto.

Preferisco l’approccio dell’influencer, lusinga lo stile simpatico, complimentoso del giornalista, ma è più costruttivo quello analitico e a volte critico del blogger!

Annunci

One thought on “La verità è una necessità

  1. Ciao, anche io studio da un po’ gli influencers e mi chiedo quasi sempre quale sia la linea di confine tra marketta e recensione attendibile.
    La maggior parte dell’esperienza in campo di marketing e social media l’ho fatta nel mondo del B2B e nell’ultimo anno del B2C lavorando in un’azienda che si occupava di fotovoltaico e lì, siccome i veri clienti non sono gli utenti finali ma gli investitori, si lavorava molto commissionando grandi editoriali (a pagamento) sulle riviste e sui quotidiani economicamente e politicamente più influenti come ad esempio riviste di settore o Il sole 24 ore, quanto di meno attendibile ci possa essere quindi, visto che risultano poi essere tutti belli, bravi e leader nel settore ;).
    Nell’ultimo anno mi sono messo in proprio, l’azienda in cui lavoravo è fallita, e mi trovo a gestire l’immagine e la comunicazione per aziende piccole come bed&breakfast o negozi di abbigliamento e qui mi sono accorto che gli influencers sono importantissimi perchè riescono davvero a veicolare un messaggio efficacissimo.
    Ti faccio l’esempio del fotomodello e blogger Mariano di Vaio, è diventato famoso partecipando alle sfilate di Abercrombie a New York all’età di 17 anni, è umbro ed ha capito ben presto che la sua forza era un’altra. In un mondo in cui l’egemonia della comunicazione non è più appannaggio della tv, lui ha saputo sfruttare i suoi followers (è un gran figo e solo per quello è seguitissimo), trasformando quei likes e quei commenti in un plusvalore da “vendere” a sua volta alle aziende.
    Mi spiego meglio. Mariano di Vaio diventa testimonial della campagna Baronio Uomo. Oltre allo shooting ed al lookbook, Baronio fornisce a Mariano alcuni pezzi importanti della collezione.
    Mariano di Vaio procederà per i prossimi mesi a postare sui suoi profili facebook la foto dei suoi aperitivi, delle sue uscite con gli amici, dei suoi viaggi (di lavoro) taggando “Baronio” e postando foto di alcuni particolari dei capi che indossa. I followers di Baronio sono cresciuti molto, il tutto contornato da iniziative collaterali come ad esempio gli aperitivi organizzati nei flagstore Baronio sparsi in tutta Italia che hanno come ospite Mariano di Vaio, testimonial della campagna.
    Mariano di Vaio, gestisce anche un blog di moda e sono molte le aziende di cui si occupa. Un blog nato come diario in cui raccogliere le testimonianze dei suoi lavori, seguendo poi l’evoluzione dei tempi, è diventato una grande opportunità al servizio del pubblico perchè si possono leggere consigli di stile, tutorial su come pettinarsi, gli accessori da indossare, insomma raccoglie un pubblico vastissimo che a mio giudizio non è mai annoiato perchè non si percepisce quel rumore stridulo del messaggio promozionale tipico dei mezzi pubblicitari convenzionali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...